Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo.

La Mola

L’Archivio Storico Comunale, conserva una NOTIFICAZIONE del 22 Agosto 1866, a cura della Prefettura dell’Umbria – Circondario di Rieti, riguardante il permesso di profittare delle acque del fosso detto dell’Ovito per la erezione di un mulino a grano.

Di li a poco tempo fu edificata la “Mola”, che si aggiungeva a quelle presenti nel “complesso di Pian delle Mole”, posto nel fondo valle alla confluenza tra il fosso dell’Ovito e l’allora fiume Turano. L’intervento di restauro dell’edificio della ex Mola Comunale”, ideato e finanziato nell’ambito del programma dell’Unione Europea denominato “Albergo Diffuso”, è stato realizzato nel corso dell’anno 2001.

Alla fine degli anni ’90 avevamo ancora un rudere che, passando di li, ci riempiva di tristezza; oggi abbiamo uno splendido edificio che ci riempie d’orgoglio. L’”ostello” realizzato, modesto nelle dimensioni, ma gradevolissimo ed estremamente suggestivo per la localizzazione quasi drammatica nelle forre dell’orrido dell’Obito e per la musicalità travolgente e vivificante delle acque impetuose del fosso, speriamo che possa entrare al più presto nel circuito delle offerte turistiche provinciali e regionali. Speriamo sia parte dignitosa della specifica comunicazione promozionale e possa essere a pieno titolo presente alla Borsa Italiana del Turismo ed, in specie, di quello giovanile. Recuperato l’edificio, ci si auspica di poter recuperare anche le strutture di adduzione dell’acqua che girava la turbina dell’ex mulino, e quelle di accumulo dell’acqua stessa (refote) nonché l’intero macchinario che consentirà di rivedere, e di scoprire da parte dei ragazzi, l’intero procedimento di macinazione del grano e di produzione della farina secondo gli antichi e suggestivi criteri: un vero centro di interesse naturistico e didattico.

Curiosità sulle mòle ed il  macinato:

Oltre la Mola comunale situata nelle gole dell’Ovito, in località “Pianemole” erano presenti altri mulini. Alcuni ruderi sono ben visibili nei pressi della confluenza tra il fosso dell’Ovito ed il fiume Turano in due punti poco distanti tra loro subito sotto la strada provinciale, mentre numerosi documenti, reperti archeologici e immagini attestano l’esistenza di un altro mulino anche nei pressi dell’edificio dell’Officina Idroelettrica dismessa, a monte della strada provinciale. Il complesso di “Pian delle Mole” ha rappresentato quindi un elemento “vitale” per l’economia locale dei secoli scorsi. Contro l’introduzione della tassa sul macinato, ci furono nelle nostre zone delle vere e proprie sommosse popolari con la complicità delle autorità locali. 

Disordini alle Mole - Atti di Polizia 13/08/1848 - <<27/06/1848 … dopo aver caricato d’ingiurie quel Ministro … e prepotentemente aperta la mòla, volle ridurre a farina il grano che portava senza pagamento di dazio>> <<03/08/1848 … 13 persone  tra cui tre donne, armate di accette, bastoni, … ed altri rustici istrumenti e con minacce d’incendio obbligarono i mugnai ad alzarsi dal letto>>.

Pianta del “Fosso dell’Ovito” – nov 1835 Roma ASR, Prefettura generale Acque e strade, b.259 – da “PAGANICO Identità e storia di un paese nella Valle del Turano” 

Un episodio più moderno (1944) e più leggero riguarda un popolare mugnaio che, colto a macinare grano senza “tessera” e tradotto in giudizio presso il tribunale di Rieti, si difese argomentando che trattatavasi non di grano ma di “sciattume” (granaglie da scarto) utile a ravviare la mola (in qualche modo, a “rinsaporirla”) dopo un periodo di fermo; ed al giudice che, non cogliendo il significato del termine dialettale ribadiva l’accusa di aver macinato grano, replicò stizzoso e fermo:<<Oh’ fregna collo ranu! Era sciattume>>. E andò assolto. (Sergio Sagnoli)

Nel corso della storia del nostro paese il fosso dell’Ovito è stato un elemento centrale per lo sviluppo di attività economiche e produttive. Agli inizi del ‘900, probabilmente sulle preesistenze della prima Mola Barberini, in località Pianemole” fu costruita una centrale idroelettrica che sfruttava con una condotta forzata (si veda Progetto di derivazione dell’acqua del fosso Obito” sett. 1913 – Paganico Sabino, ASP, Lavori Pubblici, b.1, Fasc.: lavori idrici) la portata del fosso e che è rimasta attiva fino a tutti gli anni ’60.

Per ulteriori informazioni si veda l’approfondimento di Gregorio Gumina “Storia delle antiche mole baronali di Ascrea, Paganico, Collalto e Marcetelli (1289 – 1945)” – rivista AEQUA numero 50 settembre 2012.

(a cura di Danilo D’Ignazi)