Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo.

Poesie e filastrocche

Raccontare  in poche righe di riti, toponimi, tradizioni ed usanze, è un compito arduo. In questa sezione riportiamo alcune filastrocche e poesie che colgono alcuni aspetti dei nostri riti, delle nostre tradizioni, dei nostri toponimi e del nostro ambiente naturale analizzati in questi anni nei numeri del giornalino periodico della Pro-Loco “La Pietrascritta”.

STORNELLI

(aprile ’95 - a cura di Anastasio Spagnoli per il giornalino della Pro-Loco “La Pietrascritta”)

Gli stornelli venivano spesso usati con un vero e proprio “botta e risposta” tra due o più cantori. Lo stornello era presente nella Valle del Turano in varie forme metriche: distico, terzetto perfetto a consonante atona:

E pòzza piove

Femmone nuacchie

E l’ommeni senz’occhi

Alle finestra

Lo mietitore pe mète lo ranu

Ce vogliu maccaruni e vinu bonu

 

La morte e llo frittu

è lla cipolla,

la salute ell’omo

è lla cupella

 E la cecala canta canta a stesa,

meti lo ranu e portatellu a casa

 

MASSIMIE PROVERBI INDOVINELLI - (aprile 2002 –  a cura di Anastasio Spagnoli per il giornalino della Pro-Loco “La Pietrascritta”)

Le massime hanno sempre svolto un ruolo di grande importanza nella struttura culturale del mondo contadino. Essi rappresentavano la condensazione che l’esperienza ha suggerito nel tempo e imposto a tutto il gruppo sociale. I maggiori fruitori di proverbi erano i giovani ai quali si dovevano trasmettere le conoscenze ed i modelli culturali del gruppo del quale essi dovevano far parte. L’oggetto di molti proverbi era l’andamento del tempo, delle stagioni e dei raccolti. Gli indovinelli facevano parte del processo acculturativi infantile anche se, venivano usati più che altro dagli adulti. Nella loro composizione, molti indovinelli facevano ipotizzare una risposta licenziosa ma, in realtà, era solitamente banale.

MASSIME

Appèé alla ficora ce nasce u ficorillu

 

A Santi vecchi on selli da più ncensu

 

Quanno u bove non vò arà a tempu a ciufelà

 

Non i a mete co chi a metutu; non i a opera co chi c’è statu.

 

PROVERBI

Se jennaru non jennarea

Marzu e aprile lo rapparea

 

Chi penza pe tempu

Magna a ora

 

INDOVINELLO

Ce tengo ‘nu bucittu,

non ce va niciun tappittu

ne de cerqua, ne de liva:

ce va propriu a carne viva.

(il ditale)

 

TOPONIMI E VOCABOLI (di Sergio Spagnoli - aprile ’98)

Marcassiccia, Castegliuni

‘u Peritu, Piacecuni

Aravecchia, Pratarella

‘a fontana ‘elle ‘Ordella.

‘E Strelleta e le Paghètta

Prietrascritta e Crugnaletta

‘a Rottacchia e gl’Arlbolitti

Ma’ ! Do’ stau gl’Arcelitti?

E’ una musica ! Che evoca

nei cuori e nelle menti

percezioni di quell’epoca

dolcissime e struggenti

di quel tempo mitizzato

di fatiche e di dolori

che il ricordo ha trasformato

in profumi ed in colori.

FILASTROCCHE

(aprile ’95 - a cura di Anastasio Spagnoli per il giornalino della Pro-Loco “La Pietrascritta”)

I lavoratori stagionali dai nostri borghi si riversavano verso le tenute della campagna romana e a folti gruppi si distinguevano per la contagiosa allegria nonostante le fatiche e le privazioni. Cantavano stornelli, serenate, “Canzonitti dispettosi” intonando cori nei momenti di riposo :

A mète, a mète

che llo ranu è fattu

non se rammucchia più

lo raneturcu.

 

Se u Padrone

on me da o caciu,

i manocchi jelli attacco

a buciu.

 

So venutu a mète

e voglio mète !

non so venutu

a piantà carote.

 

Cupèlla

Che te messa

Sotto ‘nmacchione

Cupèlla che tte pozzi retrovane!

 

MEDICINA POPOLARE (di Sergio Spagnoli - agosto ’98)

Te s’è arzata la pressione

E lu core  spegne (1) ‘a ratta ?

T’ha da fa ‘nu beorone (2)

Colla parma o colla marva,

Ma se vo’ la vita sarva

T’ha da mette ‘na mignatta! (3)

 

Te sse slòca ‘na rotella (4)

O te scrocchianu ‘e costata?

Te po’ da’ ‘na raffiatata

Co’ ‘na bianca panatella (5)

E un cirotu missu bene

Fa passà tutte le pene.

 

Un mattone arrocinatu (6)

E’ mani santa pellu pettu

Che se sente recreatu

E è pruntu a lassà ‘u lettu;

Se de catarru ‘e ancora pinu,

Unu ‘mbiastru (7) ‘e seme ‘e linu.

 

Se te mocceca ‘u ramecagnu,

Ecco qua ‘na tela e ragnu! (8)

Un cecolu pin’ ‘e materia,

‘Nu scarafignu collu rastellu?

Basta ‘o pisciu ‘e un munellu

E la cosa non è seria.

 

Se un mitu te s’è ruttu

Pe ‘na botta de martellu

E lo sangue scappa tuttu

Mittice ‘o rassu (9) ‘e lu cappellu

Ma propriu tantu, a curmu,

O ‘na fresca scorza (10) ‘e urmu:

E, in un lampu, come se dice,

Te troverrai colla sanice (11).

 

Se alli rini te’ un dolore,

Damme retta, facce ‘e coppe (12)

 

E se una piaga te se roppe

E la parte va in mollore,

Beh, non stanne a sentì tante:

 

Unu bravu abbuscigante (13) !

Con la simmula bollente

La bronchite è come gnente

Se ‘na cianca t’ ‘e abbruciata

‘Nciampechenno sulla brace

Co’ ‘na fetta de petata

Troverrai subbitu ‘a pace.

 

Co’ li jermi è ‘na battaglia

E se vo’ vittoria sana

E non solu un focu ‘e paglia

Fa’ cogl’agliu ‘na collana;

Ma se caetunu se ravviva

E te lu senti su e jo’

Po’ gridà evviva evviva

Collu sicaru ‘e nonno’ (14).

 

Se ‘na luggera (15) t’affanna

E te mocceca alla panza

‘Na ciommaca è come manna

E reciccia la speranza;

Ma propu viva (16) l’ha da gnotte

Se ‘no ‘u stommacu la fotte.

 

Se te’ alla f..... un pizzicore

E Pietru (17) non ci stà,

Bivite, bivite tanto fiore (18)

E un pocu po’ aspettà.

 

Ma se lu culu te va a focu,

Pe’ carmallu basta pocu:

Un mazzittu ‘e pelatana

Missu aventro alla saccoccia

Allontana ‘a buriana

E te libbera ‘a capoccia.

Pe  lo ‘nnanzi, invece, è magra

(A parte o caciu e la viagra)

C’è chi (19) provò colla cecalina,

Ma ancora li ‘ngenne (20),da quella matina!

 

NOTE :

1) Spinge; 2) Infuso; 3) Sanguisuga; 4) Rotula; 5) Cataplasma realizzato montando chiara d'uovo; 6) Arroventato; 7) Cataplasma bollente; 8) Usato come emostatico, cicatrizzante ed anche come ..... disinfettante (come l'urina dei bambini!); 9) V. n.8; 10) V. nn. 8 e 9; 11) Cicatrice; 12) Concentrazione di calore sulla parte ottenuta grazie alla fiamma di una candela "soccovata" con un bicchiere; 13) Parola di dubbia origine; probabilmente deriva da "vescicante". Si trattava, comunque, di un cataplasma a forte azione revulsiva e/o drenante; 14) Il fumo del sigaro toscano era un potente vermicida; 15) Ulcera gastrica; 16) Si riteneva che la lumaca sopravvivesse per qualche tempo svolgendo una azione cicatrizzante della parete gastrica; 17) Con il riferimento a Pietro (marito) qui si allude anche a ... fisiologici bollori muliebri; 18) Fior di farina sciolto nell'acqua tiepida. Per lo stesso fine, la cura "dellu riscardu", veniva paradossalmente usato anche il vino cotto che poteva, invece, essere perfino causa di quel malessere; 19) Ragazzo che, sacrificando .... ad ONAN, non si accorse di avere le mani ancora sporche del lattice urticante di quella pianta; 20) Pizzica, duole.

 

 

L’OBITU (di Lucius, da Vita Sabina 1899)

Son rocce a picco, gigantesche e fonde

Gonfio di piogge, torbido il torrente

Giù, nel baratro cupo, sordamente

Mugghia e ribolle fra le strette sponde.

 

E’ il trionfo dell’orrido; sovente

Né cavi inaccessibili nasconde

L’aquila i nidi dossa e sterpi donde

Sulla preda precipita repente!

 

Tetra scende la notte e per l’alture

Vagano, nunzie di funesta sorte,

ombre confuse, piene di paura.

 

Tra gl’intricati rovi e fra l’attorte

Edere in cifre misteriose e scure

La mano del terrore ha scritto : Morte.